Sura LXXXVII. Al-Alâ

(L’Altissimo)

Pre-Eg. n. 8. Di9 versetti. Il nome della sura deriva dal vers. 1

In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

1. Glorifica il Nome del tuo Signore, l’Altissimo,

2. Colui che ha creato e dato forma armoniosa,

3. Colui che ha decretato e guidato [1] ,

4. Colui che fa germinare i pascoli,

5. e ne fa poi fieno scuro.

6. Ti faremo recitare [il Corano] e non dimenticherai

7. se non ciò che Allah vuole. Egli conosce il palese e l’occulto.

8. Ti faciliteremo la [via] più facile [2] .

9. Ricorda, ché il Ricordo [3] è utile:

0. se ne ricorderà chi teme [Allah]

1. e solo il malvagio se ne allontanerà:

2. brucerà nel Fuoco più grande,

3. in cui non morrà e non vivrà.

4. Avrà successo chi si sarà purificato,

5. e avrà ricordato il Nome di Allah e assolto all’orazione.

6. Ma voi preferite la vita terrena,

7. mentre l’altra è migliore e più duratura.

8. In verità ciò è nei Fogli antichi,

9. i Fogli di Abramo [4] e di Mosè.


[1] «ha decretato e guidato»: Allah (gloria a Lui l’Altissimo) ha determinato il ruolo e la funzione di ognuna delle Sue creature, ha insegnato la sopravvivenza agli animali, ha mostrato agli uomini la via della salvezza eterna.

[2] L’IsIàm, la via verso la salvezza, la memorizzazione del Corano, il trionfo sui miscredenti; queste alcune delle possibili spiegazioni de «la via più facile».

[3] II Dhikr, il Ricordo [di Dio] è anche uno dei nomi del Corano.

[4] La Rivelazione che Allah (gloria a Lui l’Altissimo) ha dato al nostro padre Abramo (pace su di lui) e di cui ci è pervenuta la notizia in grazia di questo versetto.